anteprima della guida su come pulire e proteggere le guarnizioni

Cura e pulizia delle guarnizioni esterne e interne dell'auto: ecco come fare

Una delle parti che spesso passa in secondo piano o viene addirittura trascurata nella cura dell’auto sono le guarnizioni esterne ed interne. Le guarnizioni svolgono un ruolo importante nell’isolamento termico, acustico e dallo sporco stradale. Essendo costituite in plastica gomma o vinile, gli agenti atmosferici, i raggi UV e la mancanza di apposite cure le portano a scolorirsi, indurirsi e nel tempo addirittura sbriciolarsi.

E’ chiaro che questo si tramuta nel tempo in un drastico calo di performance. Senza trascurare la parte estetica dell’auto, attorno alla quale ruota tutto il mondo del car detailing, che ne risentirà e svilirà così il resto del lavoro svolto.

Proprio per questi motivi risulta assolutamente necessario pulire periodicamente le guarnizioni esterne e interne dell’auto e prendersene cura. Vediamo insieme come.

Come abbiamo appena accennato, le guarnizioni sono tipicamente formate da materiali plastici o gomme: materiali non verniciati e porosi che tendono ad accumulare e assorbire lo sporco. Aggiungiamo a questo che spesso la loro forma contorta le porta ad accumulare lo sporco in zone di difficile accesso. Questo rende necessario l’utilizzo di prodotti e strumenti giusti per la pulizia guarnizioni dell'auto.

Ciò di cui abbiamo bisogno per pulire le guarnizioni esterne e interne dell’auto è:

Quali prodotti usare per pulire le guarnizioni?

In questi casi consigliamo di utilizzare degli APC alcalini. Ecco alcuni esempi:

Come pulire e lavare le guarnizioni esterne ed interne

  • Assicurarsi di lavorare all’ombra e ad auto fresca
  • Provvedere al corretto lavaggio della vettura come consigliato nella nostra guida sul lavaggio auto senza graffi
  • Durante la fase di prelavaggio, lavorare il prodotto con un pennello sulle guarnizioni aprendo le portiere e passare con il guanto durante la fase di lavaggio manuale. Ricordiamo di usare sempre uno shampoo professionale per auto
  • Proseguire ed ultimare il lavaggio
  • Asciugare con un panno asciutto

Ovviamente per la pulizia delle guarnizioni avremo un approccio simile ma che esula dal lavaggio esterno. Per esempio potremmo spruzzare e lavorare il prodotto con un pennello, sciacquare la superficie con un panno bagnato e poi asciugare.

Protezione delle guarnizioni

A vettura perfettamente asciutta potremo dedicarci alla protezione delle guarnizioni. Questa verrà effettuata attraverso prodotti definiti “dressing” per gomme e plastiche, che andranno a creare un film protettivo sulle guarnizioni. Tale protezione permetterà alle guarnizioni di durare nel tempo e limitare l’azione sbiancante dei raggi UV. Potrai scegliere tra prodotti a base acqua o base solvente. Nel primo caso avrai il vantaggio di un'applicazione semplice e veloce, nel secondo di una durata superiore.

Prodotti per proteggere le guarnizioni dell'auto:

Ecco alcuni esempi di prodotti idonei a proteggere e ravvivare le guarnizioni dell'auto:

Come proteggere le guarnizioni esterne dell’auto

La fase di protezione è molto semplice Tutto quello che abbiamo bisogno di fare è erogare una discreta quantità di prodotto su un panno in microfibra e applicarlo sulle superfici da trattare.

Teniamo conto della struttura porosa di tali supporti. Questo rende necessaria l’applicazione del prodotto delicata con una sorta di massaggio che permetta al prodotto di penetrare nei pori e formare il velo di protezione.

A protezione ultimata le guarnizioni avranno un aspetto ringiovanito e brillante, il che sarà la ciliegina sulla torta di un lavoro di car detailing coi fiocchi. Ma avremo anche il vantaggio di proteggere le guarnizioni per farle durare nel tempo e mantenerle giovani.

Quando e ogni quanto pulire le guarnizioni esterne

Essendo una zona esterna e particolarmente esposta sarà necessario pulirla frequentemente. Ad ogni lavaggio sarà necessario prestare attenzione anche a queste parti spesso trascurate. Ma ogni 1-2 mesi potremmo prenderci il tempo di trattarle in maniera più approfondita.

N.B. non applicare protettivi o dressing su superfici non opportunamente pulite e sgrassate, sarebbe lavoro sprecato perché questo non permetterebbe al protettivo di penetrare a dovere.

Ed ora non ci resta che goderci il risultato del nostro duro lavoro.

Speriamo che questa guida ti sia stata d’aiuto! Se vuoi rimanere aggiornato sulle corrette procedure di tutto ciò che riguarda il car detailing continua a seguirci.

Il team di Solodettagli

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.